Bookdocet #7 / “Ho un castello nel cuore” e il vero Amore

In questo #bookdocet si parla di Amore (si, con la A maiuscola) – quindi mi faccio da parte e lascio parlare qualcun altro al posto mio (ma vi lascio in cambio la recesione ad un libro speciale).

Hi everyone! Per chi leggesse per la prima volta questa rubrica: i #bookdocet sono una raccolta di tutto quello che i libri mi hanno insegnato nella mia ventennale carriera da lettrice, o almeno ci provano. Questo è il #7 – hope you like it!

Il #bookdocet di oggi è tratto da un romanzo che ho amato profondissimamente: Ho un castello nel cuore di Dodie Smith. Da noi pressappoco sconosciuto (e svalutato da titolo e cover troppo infantili), in Inghliterra è considerato – a ragione – un classico della letteratura femminile. Sarà anche un luogo comune, ma, davvero, avrei voluto che non finisse mai.

ho-un-castello-nel-cuore-2

Ambientato negli anni ’30, in Inghilterra, parla di una pazza, sgangherata, poverissima, romantica famiglia che vive in un magnifico castello medievale. La voce narrante, Cassandra, è la protagonista perfetta per questo glorioso romanzo – appassionata e passionale, ingenua ma disincantata – il genere di persona così piena di deliziosi difetti, tutti mostrati con meravigliosa spontaneità, da sembrare perfetta (non per niente J.K.Rowling ha commentato: «This book has one of the most charismatic narrators I’ve ever met»).
Verrebbe da dire che si tratta di una storia d’amore, ma sarebbe molto riduttivo: è anche un romanzo di formazione, una saga famigliare, una deliziosa commedia, una dichiarazione d’amore per un Paese (la Smith, tra l’altro autrice de La carica dei 101, – che sicuramente leggerò ora che so di cosa è capace – inglese, ha iniziato a scrivere questo libro durante la seconda guerra mondiale, spinta dalla nostaglia per il suo paese, dopo essersi trasferita in California con il marito).

Processed with VSCOcam with f2 preset

Siccome il tema della quote che ho scelto è niente di meno che l’amore – o meglio, l’Amore – ho preso la decisione di fare qualche riverente passo indietro e non pronunciarmi sull’argomento. Lascerò che a commentare la quote di oggi siano invece Osho e Albert Camus.

La mente umana funziona così: chiede sempre: «Ma l’altro mi ama?» La donna, la moglie, chiede: «Mio marito mi ama?». Il marito continua a chiedere: «Mia moglie, la donna, mi ama?». I figli si chiedono sempre: «La mamma, il papà, mi amano?». E i genitori si chiedono se i figli li amano. La domanda riguarda sempre l’altro. Stai ponendo la domanda sbagliata. Stai procedendo in una direzione sbagliata e andrai a sbattere contro un muro, non troverai alcuna porta. E ti sentirai ferito, perchè avrai sbattuto contro il muro. Ma il tuo approccio era sbagliato dall’inizio; dovevi chiedere: «Amo mia moglie?», «Amo mio marito?», «Amo i miei figli?», «Amo mia madre e mio padre?». Devi partire sempre da te, interrogarti sul tuo amore. E qui è il mistero: se ami, d’un tratto sai che tutti ti amano. Se ami tua moglie, lei ti ama; se ami tuo marito, lui ti ama; se ami i tuoi figli, loro ti amano. Una persona che ama dal profondo del cuore viene contraccambiata da ogni direzione. L’amore non è mai sterile. E’ una fioritura. 

Osho, Yoga: il respiro dell’infinito

Non essere amati è una semplice sfortuna; la vera disgrazia è non amare.

Albert Camus, L’estate

Usate i link social per condividere questo #bookdocet con le persone che amate ♥

___________________

Ho un castello nel cuore, Dodie Smith, Rizzoli, 538 p.

Leave A Comment

Related Posts